IN TESSE

L'opera è stata realizzata nell'ambito di Sense, programma di residenza artistica del MABOS (Museo d'Arte del Bosco della Sila).

In questa seconda edizione denominata SEI, sono stati invitati 3 collettivi e 3 artisti per realizzare un'opera permanente nelle nuove dimore costruite per ospitare i visitatori del complesso museale che potranno pernottarci nel futuro.

 

La residenza è stata seguita dalla Storica dell'Arte Elisabetta Longo. 

L'opera del collettivo noMade è un ambiente sensibile che si appoggia alla metafora dell’intreccio e della tessitura quale gesto relazionale tra l’Io e il Tu. I viaggiatori sono invitati a vivere il Bosco e la Casa attraverso gesti rituali e giochi relazionali. L'installazione site-specific, il video e il prodotto sonoro sono anche il frutto dell'incontro tra il collettivo e due realtà significative del territorio: Il lanificio Leo e la casa editrice Rubbettino. 

Nel dettaglio, il collettivo ha prodotto: 

- Un'istallazione (3,5 x 2,5 m) sulla vetrata dello spazio, attraverso l'uso di un'antica matrice metallica per macchine tessili. 

- Una scultura interattiva ispirata al meccanismo del telaio tradizionale "a tensione" che usa il peso del corpo dei tessitori.

La scultura diventa il tetto sotto il quale i visitatori sono invitati a esperire la relazione IO - TU attraverso un gioco.

- Un'istallazione audio-video composta da immagini raccolte lungo le esplorazioni "selvatiche" eseguite durante i giorni di residenza.